Annuncio pubblicitario

Il commosso addio a David Sassoli, da Mattarella a Draghi, Cgil, MD, Letta, Ursula von der Leyen, Giovanna Pancheri e Treccani

11 Gen 2022 | Europa

Mattarella: «La scomparsa prematura di David Sassoli rappresenta un motivo di dolore profondo per il popolo italiano ed europeo»

“Si può vivere e morire in tanti modi. David Sassoli ha combattuto e lavorato fino all’ultimo possibile istante, informandosi, partecipando attivamente alla causa del bene comune con curiosità e passione indomabili nonostante lo stato di salute sempre più precario, dopo la temporanea ripresa di qualche tempo fa”. Questo il commosso addio rivolto dallo staff di David Sassoli, pubblicato sulla pagina Facebook del Presidente del Parlamento Europeo prematuramente scomparso a causa di complicazioni nel suo sistema immunitario seguite ad una polmonite che lo aveva costretto già ad un ricovero.

“Per il Presidente del Parlamento europeo, per il politico Sassoli, per l’uomo David – prosegue il post pubblicato dal suo gruppo di lavoro – nella sua dimensione privata, alla base di ogni azione, di ogni comportamento, di ogni scelta erano, assai ben saldi, i valori umani di riferimento: lealtà, coerenza, educazione, rispetto. In questo momento così triste per tante e tanti cittadini italiani ed europei resta, intatta, la forza dei suoi insegnamenti e delle sue indicazioni: mai fingere, mai alimentare polemiche, spirali, pregiudizi, pettegolezzi, meschinità. Principi personali così profondi da plasmarne, con tratto inconfondibile, anche la pratica e probabilmente la stessa teoria dell’agire politico. Principi semplici quanto assolutamente inderogabili, da cui non deflettere in alcun caso. Per nessun motivo”.

“Anche quando, recentemente, di fronte ai suoi gravi problemi di salute, si erano diffuse in rete deliranti malevolenze su Covid e affini – prosegue la nota pubblicata su Facebook – persino in quel momento la scelta di non replicare, di non inasprire i toni, gli era sembrata l’unica possibile. Paradigma di stile, riservatezza, sobrietà. E di una merce rara, nella temperie della politica contemporanea: l’autorevolezza. Politica e morale. La fiducia che tante e tanti di voi riponevate in lui, se può esser di conforto, era ben riposta. La stima nei suoi confronti, altrettanto. Con David Sassoli l’Europa e l’Italia perdono un uomo delle istituzioni di primario livello, che credeva nella politica nella sua accezione più nobile, in un’Europa baluardo dei diritti e delle opportunità, nell’impegno a favore delle persone più deboli e indifese, nella lotta contro ogni forma di ingiustizia e prevaricazione, sempre con il sorriso”.

I messaggi di dolore per la scomparsa prematura di David Sassoli si accavallano dalle prime luci dell’alba. A cominciare da quello del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha parlato di: “Dolore profondo per il popolo italiano ed europeo”.

Per il Presidente Mattarella, profondamente addolorato, “La sua morte apre un vuoto nelle file di coloro che hanno creduto e costruito un’Europa di pace al servizio dei cittadini e rappresenta un motivo di dolore profondo per il popolo italiano e per il popolo europeo. Il suo impegno limpido, costante, appassionato, ha contribuito a rendere l’assemblea di Strasburgo protagonista del dibattito politico in una fase delicatissima, dando voce alle attese dei cittadini europei. Sassoli, con gli altri leader europei, ha saputo accompagnare una svolta decisiva per il futuro dell’Europa: dai diritti civili e sociali, al dialogo con gli altri Paesi, a partire dal Mediterraneo. Anche con l’impegno per la Conferenza sul futuro dell’Unione. Politico appassionato, leader leale, rigoroso, ha saputo nutrire con la sua cultura una iniziativa politica al servizio delle persone e delle istituzioni. Uomo del dialogo, ha fatto del metodo del confronto la cifra del suo rapporto con gli interlocutori, alla ricerca del bene comune. Qualità che aveva saputo esprimere anche nella sua attività di giornalista”.

“Ai suoi familiari – così si conclude il messaggio di Sergio Mattarella – sono rivolti la vicinanza e il cordoglio di quanti lo hanno conosciuto e il sentimento di riconoscenza della Repubblica per la sua opera preziosa, espressione di intensa passione civile”.

Anche il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha espresso il suo più “Sentito cordoglio per la morte del Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli. Uomo delle istituzioni, profondo europeista, giornalista appassionato”,

Il Presidente Draghi ha voluto ricordare che “Sassoli è stato simbolo di equilibrio, umanità, generosità. Queste doti gli sono state sempre riconosciute da tutti i colleghi, di ogni collocazione politica e di ogni Paese europeo, a testimonianza della sua straordinaria passione civile, della sua capacità di ascolto, del suo impegno costante al servizio dei cittadini”.

“La morte di Sassoli ci rattrista e lascia senza parole. David era un uomo generoso, di grande umanità. Un giornalista e un politico sempre attento e vicino al mondo del lavoro. Sostenitore di una politica più vicina ai cittadini e ai loro bisogni, in particolare a quelli dei giovani. Un convinto europeista che si è sempre battuto per un’Europa solidale”. Lo afferma il segretario generale della CGIL, Maurizio Landini, appresa la notizia della scomparsa del presidente del Parlamento europeo.

“Alla famiglia e ai suoi cari – aggiunge Landini – esprimo la vicinanza e il cordoglio mio personale e di tutta la CGIL”.

Magistratura Democratica ha voluto ricordarlo pubblicando sulla propria pagina Facebook uno stralcio significativo del suo intervento pronunciato durante il XXII Congresso Nazionale Md, Roma, 1 marzo 2019: “Abbiamo un sacco di lavoro da fare, perché dobbiamo ricostruire quell’umanità che stiamo sentendo si sta un po’ sciogliendo, dissolvendo, allontanando. Dobbiamo farlo, tutti, con uno sforzo di responsabilità”

Il Segretario del Partito Democratico, Enrico Letta ha pronunciato “Le parole che non avrebbe mai voluto pronunciare. Per un amico unico, persona di straordinaria generosità, appassionato europeista. Per un uomo di visione e principi, teorizzati e praticati. Che cercheremo di portare avanti. Sapendo che non saremo all’altezza”.

La Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen ha affidato ad un tweet il suo saluto a David e il suo dolore: “E’ stato un giornalista appassionato, un Presidente del Parlamento Europeo straordinario e, soprattutto, un caro amico. I miei pensieri vanno alla sua famiglia. Riposa in pace, caro David”.

Si affida ad un tweet anche l’ex Presidente del Consiglio, oggi Commissario UE agli Affari Economici, Paolo Gentiloni: “Una notizia terribile per tutti noi in Italia e in Europa. Ricorderemo la sua figura di leader democratico ed europeista. Un uomo limpido, generoso, allegro e popolare. Un abbraccio alla famiglia”.

Messaggi addolorati e sinceri sono giunti da ogni parte politica tanto che la giornalista di Sky, Giovanna Pancheri ha voluto sottolineare: “In ogni messaggio che sto leggendo in queste ore su di te, caro David, ricorrono spessissimo queste 3 parole ‘Un uomo perbenei. Sembrerà una banalità, ma, fateci caso, quanto poco di questi tempi sentiamo usare queste 3 parole per descrivere un politico o un giornalista, ma nessuno le lesina per te caro David che con il tuo garbo e la tua intelligenza accoglievi tutti con il sorriso, ascoltavi con attenzione e domandavi e ti informavi con quella curiosità da giornalista che non ti ha mai abbandonato neanche negli anni della politica, politica che hai saputo navigare con eleganza e rispetto fino ad arrivare in pochi anni ai vertici del Parlamento europeo e di quell’Europa che tanto amavi. Chissà cos’altro avresti potuto fare se solo avessi avuto più tempo… mancherai molto”.

Il profilo di David Sassoli sull’Enciclopedia Italiana Treccani

Ph, da sito ufficiale Presidenza della Repubblica

Ti potrebbe interessare…