Annuncio pubblicitario

La partita della solidarietà per dare un calcio alle malattie genetiche: musica, animazione e tante risate firmate Caprì

14 Giu 2022 | Cultura e Società

Se si combatte insieme, si arriva prima all’obiettivo: è questo lo spirito con cui è nata l’idea di organizzare a Reggio Calabria “La partita della solidarietà” voluta e resa possibile dalla Scuola Materna “La Nuvoletta”, con il patrocinio del Comune e della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Un mini torneo che si annuncia appassionante e che vedrà impegnate 4 squadre: Genitori (della Scuola Materna) vs Guardia di Finanza vs Vigili del Fuoco vs I Politici. Ogni squadra sarà composta da 8 giocatori.

Fischio d’inizio il 18 Giugno 2022, alle ore 18:00, presso il Circolo Tennis Crucitti.

Diversi gli ospiti della serata che allieteranno gli spettatori: I Pagliacci Clandestini, il gruppo musicale “Omnia” – che intratterrà il pubblico nelle pause tra una partita e un’altra – ed ancora il comico reggino Pasquale Caprì, sempre attento alle iniziative solidali, l’Asd ”Pretty Woman” e “Nati per leggere”.

L’offerta prevista per la partita solidale è di soli 5 euro – nulla vieta ovviamente di essere più generosi – e il ricavato sarà devoluto all’Associazione Gene Piga Italia Odv.

Questa organizzazione nasce il 6 Giugno 2020 e ha come obiettivo principale la cura delle malattie genetiche rare, in special modo la cura delle malattie causate dalla mutazione del gene PIGA.

“Camminare, mangiare, parlare, giocare, a volte anche respirare, diventano azioni complicate per i bambini con malattie genetiche rare”, si legge sul sito dell’associazione.

“È evidente – continuano questi genitori impegnati contro la malattia – che la ricerca scientifica abbia raggiunto dei livelli importanti nella scoperta di nuove tecnologie e metodiche e siamo certi che abbia dato una “chance” a molte persone con malattie a volte quasi sconosciute. L’Associazione Gene Piga Italia – OdV ha una vera missione: i soci fondatori e tutti i suoi volontari sono consapevoli che a volte “la chiave giusta che apre la porta della speranza è proprio l’ultima del mazzo” e questa consapevolezza li rende ancor più fiduciosi che la Ricerca Scientifica sia l’unica strada percorribile per il raggiungimento della porta più importante: quella che conduce alla guarigione dalla malattia”.

Ecco, allora, che la partita solidale del 18 giugno potrà essere una delle chiavi per poter aprire nuove strade alla ricerca.

Importante partecipare con slancio, per dare un calcio alla malattia, con un sorriso e un piccolo, prezioso dono.

Ti potrebbe interessare…